Giornata mondiale del sonno IMPERATIVO DI OGGI: DORMIRE!

Qualcuno di voi dirà ‘finalmente’, altri diranno ‘era ora’, ma altri con occhi sgranati, occhiaie e pelle tendente al grigio funereo risponderanno ‘magariiiiiiiiiiiiiiiii’.
E beh, mica tutti riescono a dormire come me in qualsiasi momento, luogo e posizione!
Per alcuni il sonno è un incubo, la sola idea di chiudere gli occhi terrorizza e angoscia buona parte degli italiani.

Morning caffeine

L’insonnia non è un malessere attribuibile solo alla terza età, ma anche ad una buona fetta di persone che, per colpa dei mille pensieri, dell’ansia, dei problemi quotidiani, non riescono a lasciarsi andare fino in fondo tra le braccia di Morfeo.
A me Morfeo comunque è sempre stato simpatico.
Anche dopo una cena luculliana, caffè e ammazza caffè, io riposo che è un piacere dunque, scoprire che oggi è la giornata mondiale del sonno, è qualcosa che mi sa di terribilmente giusto, corretto e meraviglioso.

Qui un decalogo del tutto personale della giornata del sonno:
1. h6.30 a.m.
ASSOLUTAMENTE VIETATO ALZARSI DAL LETTO!
Spegnete la sveglia perché quella dà veramente fastidio. Rimboccate le coperte e ricominciate a dormire.
2. h8.30 a.m.
Sì, SIETE IN RITARDO per andare in ufficio. E allora????
OGGI SI PUÒ, SI DEVE!
Ora vi potete alzare dal letto – ma con calma – e andare dritti dritti alla macchina del caffè.
Scegliete quello che preferite. Sviluppate il vostro olfatto e sentite l’aroma di ogni capsula. Poi, solo dopo un’attenta valutazione, scegliete il gusto di caffè che fa per voi.
Io oggi ho scelto il RISTRETTO.
3. h10.30 a.m.
È un ottimo orario per arrivare al lavoro. Vi siete addormentati sui mezzi e vi siete riposati per bene perdendo la vostra fermata. Non fa nulla, è giusto prendersela con comodo.
Per quelli che non si sono potuti addormentare in auto perché guidavano, oggi sarà possibile farsi una pennichella sulla propria scrivania. Abbiate solo cura di non russare. Non sta bene.
4. h10.35 a.m.
Salutate i vostri colleghi e concedetevi un caffè in compagnia.
Sceglietelo avvolgente. Io consiglio o il CREMOSO o il DELICATO.
5. h13.30 p.m.
Fino a qui tutto bene. Avete retto in riunione, non vi siete addormentati davanti alle polemiche del collega pesantone… ora dovete concedervi un buon pranzo, un DECAFFEINATO, e poi crollare.
In pausa è concesso. Dormite. 30-40 minuti rigeneranti ai quali non è possibile dire di no.
6. h14.30 p.m.
Non rovinate tutto discutendo con i vostri colleghi. Avete dormito, vi siete riposati, e il sonno – si sa – ha effetti benefici sulla salute e sul buonumore.
Dopo la pausa pranzo riprendete il lavoro con vigore; qualcosa lo dovrete pur fare!
7. h18.00 p.m.
Siete arrivati tardi in ufficio? Ma suvvia, oggi che avete una scusa MONDIALE non dovete perdere l’occasione per andarvene a casa ad un orario accettabile.
Uscite da quelle quattro mura e prendetevi cura del vostro benessere psico-fisico. A casa… dormite!
8. h20.30 p.m.
Tornati a casa vi siete addormentati così com’era giusto fare essendo questa la giornata mondiale del sonno.
Vi è saltato l’aperitivo con gli amici ma potete passare alla cena.
Al termine sorseggiate un’ottima TISANA.
9. h23.00 p.m.
Mentre il vostro compagno ha messo in TV il film che aveva scelto per voi, vi siete addormentate.
Pazienza, non siate così severe con voi stesse. Sorridete. Manca troppo poco alla fine del 15 marzo.
9. h24.00 p.m.
È finita ma sentite già che è necessario replicare.

Aspettiamo il prossimo anno e, vi prego, a quest’ora non bevete caffè!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: